Salve straniero! Se non conosci ancora questo sito, leggi questa veloce introduzione.Fai un salto in home page, dove potrai vedere le ultime segnalazioni effettuate. Se poi vuoi partecipare, segnalare, commentare allora registrati. È gratuito ed immediato :)

Sei già su Facebook? Allora connettiti subito usando questo pulsante Login con Facebook

Film Le vite degli altri

di Florian Henckel von Donnersmarck del 2006

Mr. Hamlin

ATTENZIONE: Quella che segue è solo la prima parte di una più completa recensione disponibile sul mio blog. Per leggerla cliccate sul collegamento qui sotto…

Nella DDR (acronimo della Deutsche Demokratische Republik – Repubblica Democratica Tedesca) nessuno poteva dirsi certo di non essere controllato. Attraverso confidenti e sistemi d’intercettazione capillari, la potentissima Stasi aveva di fatto messo in pratica i peggiori incubi dell’orwelliano 1984. Chiunque veniva anche solo sospettato di avere idee non conformi al regime veniva spiato, interrogato e non di rado incarcerato anche per lunghi periodi. Però, a differenza delle Polizie segrete poste a tutela di altre dittature, la Stasi difficilmente ricorreva a torture fisiche. Come spiegato con glaciale efficacia dal capitano Gerd Wiesler (Ulrich Mühe) nell’antefatto del film, la violenza fisica era stata sostituita da quella psicologica: privazione di sonno, minacce di coinvolgimenti di famigliari e altri orrori simili.

Quanto è piaciuto?
9

Segnalato altre 18 volte

Per commentare devi essere riconosciuto.
Effettua il login oppure registrati qui.

Minischeda del Film
Copertina
  • Titolo originale: Das Leben der Anderen
  • Scheda IMDB: tt0405094
  • Anno: 2006
Mr. Hamlin

Effettua il login

Login con Facebook

Scrive.it è un'idea di Claudio Cicali

Creative Commons

I contenuti prodotti dagli utenti di questo sito sono distribuiti con una licenza Creative Commons 2.5 eccetto dove diversamente specificato. Contatti

Special thanks to The Movie DB